Raduno mondiale delle mini in Inghilterra: un brissinese vince il titolo di mini più particolare del mondo.

Raduno mondiale delle mini in Inghilterra: un brissinese vince il titolo di mini più particolare del mondo.

Un ricordo indelebile che rimarrà impresso nella mente di tutti i presenti, soprattutto per chi si è sparato oltre 3.000 chilometri per dire "IO C'ERO!".

Stiamo parlando del "Mini United", ovvero il festival mondiale dei fanatici delle auto marchiate Mini che con cadenza biennale si incontrano in un posto sempre diverso nel mondo per dare vita ad un avvenimento senza tempo. Quest'anno ricorreva anche il 50esimo anniversario dell'ormai intramontabile auto britannica, quale location migliore per far incontrare tutti i suoi fedeli? La risposta giusta è il Regno Unito, Inghilterra, più precisamente il circuito di Silverstone, terra natale della piccola inglesina che ha attirato a se quasi  12 mila Mini di vecchia e nuova generazione che, a conti fatti, ha fatto registrare un totale di 27mila visitatori. Artisti, piloti e personaggi storici di fama internazionale hanno fatto bella mostra di sè, alternandosi fra gare in circuito e concerti mozzafiato.

Tre giorni trascorsi intensamente di giorno e di notte in mezzo ad appassionati provenienti da ogni angolo del mondo. Oltre agli equipaggi italiani infatti, erano presenti numerosi ministi provenienti dal Texas, California, Canada, dalla Russia, Australia, Giappone, Germania, Spagna, Francia, Svizzera e tanti altri ancora. Chi non potevano mancare però, erano i club mini italiani, con pasta e caffè rigorosamente "made in Italy" a seguito, si sono fatti subito notare dai presenti per la loro allegria e la loro carica di simpatia coinvolgente. Pochi ma buoni: sono stati al massimo un centinaio i connazionali presenti che si sono potuti permettere un viaggio in Mini tanto dispendioso e che comunque sono riusciti a fare bella mostra di sè, portandosi a casa un premio molto ambito. Si tratta di un riconoscimento molto importante a livello mondiale che per un possessore di Mini vale quanto una coppa del mondo. Tra 12.000 auto presenti a questa tre giorni di festa, un'attenta giuria composta da nomi illustri dell'automobilismo britannico, ne hanno selezionate 100 seguendo i criteri di particolarità, eleganza ed originalità. Le 100 auto più belle sono state così esposte per tutta la durata della manifestazione attorno al palco di Silverstone dove si sono esibiti cantanti illustri come Tomy Weller. L'ultimo giorno di festival, la giuria ha voluto premiare una sola delle 100 auto selezionate, per conferirgli l'onorevole titolo di "BEST NEW MINI", ovvero la Mini più particolare al mondo. Con grande sorpresa e soddisfazione, questo ambitissimo titolo è andato ad un italiano, più precisamente ad un altoatesino, il brissinese FABIO DE VILLA, nonché presidente del CLUB MINI DOLOMITI. Inevitabile il richiamo mediatico mondiale, con riviste e televisioni che si sono buttate a capofitte sul giovane 30enne, la cui immagine di lui assieme alla sua speciale Mini ha cominciato a rimbalzare per tutto il pianeta. "Sono molto soddisfatto del risultato raggiunto – spiega De Villa -  ancora oggi non riesco a credere di aver vinto un premio così importante e unico al mondo! Voglio ringraziare prima di tutto il mio copilota e amico con cui ho diviso questa magica avventura in Inghilterra, Marco Palmas, ma soprattutto devo molto al mio amico-tappezziere, Stefan Widmann di Varna che è riuscito a preparare gli interni della mia auto in modo più unico che raro, facendomi così vincere questo fantastico premio". Infine, un grazie molto particolare va anche a Roberto Marini, il mio parrucchiere che è riuscito a creare il simbolo della Mini sulla mia testa per questo evento!". conclude il presidente.